La vitiligine è una condizione della pelle pigmentaria comune, con un impatto profondo ed esiste un’associazione consolidata con condizioni autoimmuni.
Nonostante un certo numero di modalità terapeutiche, poche hanno dimostrato di provocare una significativa ripigmentazione entro un breve periodo di tempo. Gli interventi dietetici segnalati sono scarsi. A seguito dell’esclusione del glutine nella dieta, sono state notate precoci e estese ripigmentazioni delle lesioni facciali in una giovane femmina di etnia asiatica con vitiligine acrofacciale. La maggior parte dei benefici si è verificata entro il primo mese e si è stabilizzata a 4 mesi.
Stessa situazione viene riportata in relazione ad una ragazza in questo caso celiaca che ha visto la ripgmentazione delle lesioni da vitiligine dopo aver intrapreso una dieta priva di glutine.
I ricercatori sostengono che l’eliminazione del glutine può potenzialmente essere un intervento che può modificare la progressione della vitiligine e dovrebbe essere considerata anche in pazienti senza celiachia.

Riferimenti

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/m/pubmed/25685131/

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/m/pubmed/21504457/?i=2&from=/25685131/related