I ricercatori continuano ad indagare sulla presunta pericolosità della carne rossa. Un’articolo pubblicato quest’anno è molto interessante.
Questo studio ha lo scopo di indagare la relazione tra assunzione di carne e rischio di cancro del colon-retto da una prospettiva asiatica, in particolare coreana. Come molti sanno un rapporto dell’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC), pubblicato nel 2015, ha concluso che l’assunzione di carne lavorata e di carne rossa aumenta il rischio di sviluppare il cancro del colon-retto.
Però i ricercatori hanno scoperto che questi studi prospettici e rapporti monografici IARC,  hanno rivelato che il rapporto IARC / OMS erano relativi maggiormente a risultati degli studi basati nei paesi occidentali e che la correlazione tra l’assunzione di prodotti a base di carne e l’incidenza del cancro del colon-retto negli asiatici, non è chiaramente supportato.
Infatti su 73 studi epidemiologici, circa il 76% è stato condotto nei paesi occidentali ma solo il 15% degli studi è stato condotto in Asia. Inoltre, la maggior parte degli studi condotti in Asia, ha dimostrato che il consumo di carne lavorata, non è correlato all’insorgenza del cancro. Inoltre, non ci sono state segnalazioni che mostrano correlazione significativa tra i vari fattori che direttamente o indirettamente influenzano l’incidenza del cancro del colon-retto, compresi i tipi di prodotti a base di carne lavorati, i tipi di carne cruda o i metodi di cottura.
I ricercatori dicono che  sono necessari ulteriori studi epidemiologici che tengano in considerazione la cultura alimentare di ogni paese per chiarire in modo affidabile gli effetti dell’ingestione di prodotti a base di carne, specialmente sull’incidenza del cancro. Tutto ciò, tende a portare ulteriori prove che i problemi di salute del mondo occidentale non derivano dalla carne, ma da una alimentazione sbilanciata su cibi industriali, latticini, cereali e zucchero. Su questo sito abbiamo pubblicato diversi studi internazionali che vanno in questa direzione. Da qui impariamo una lezione utile ,cioè che chi persegue una alimentazione consapevole, deve sapere anche ciò che accade dall’altra parte del mondo.
Riferimenti
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/m/pubmed/29999423/